La nuova dirigenza Rai non parte nel modo migliore

Riprendiamo il comunicato della Federazione Italiana della Stampa, condividendone il contenuto e le preoccupazioni per la tenuta democratica del nostro paese (16 aprile 2009)

“Preoccupa la via disciplinare verso l’informazione e la satira che sembra essere stata assunta oggi dalla Rai dopo le critiche all’ultima puntata di Annozero. Ieri il rimbrotto di un Ministro a Crozza, oggi la sospensione del vignettista Vauro, quasi che la satira sia un atto di lesa maestà. La decisione del Direttore Generale è un atto sbagliato, tanto più perché correlato all’annuncio di una indagine interna su  un’inchiesta di Report (che aveva il torto di non essere piaciuta a qualche ministro) e della richiesta a Santoro perché “siano attivati i necessari e doverosi riequilibri informativi specificatamente in ordine ai servizi mandati in onda sull’Abruzzo”.

Su tutto questo c’erano state critiche e espressioni di favore. Discutere e affrontare le questioni con tutti i protagonisti è una cosa; tutt’altra è la via disciplinare all’informazione. Così la nuova dirigenza Rai non parte nel modo migliore”.