La crisi vera, che nessuno dice

Buonasera, vi scrivo per sottolineare uno dei problemi fondamentali della crisi in Italia. Purtroppo questo argomento, non viene mai affrontato, e mi domando se sia una scelta voluta dalle redazioni delle più grosse giornalistiche, oppure semplicemente sottovalutata. Il grosso problema è questo: in Italia, non c’e’ una legge che tuteli le aziende, sui pagamenti delle fatture, entro breve termine. Mi spiego meglio,…

Negli ultimi mesi, tantissime aziende, o piccoli artigiani, stanno chiudendo i battenti, o licenziando personale, perche’ non riescono ad incassare il compenso, sul lavoro svolto. Ho svolto una sorta di sondaggio, e mi sono reso conto che nel torinese, citta’ in cui vivo, parecchie ditte, in particolar modo metalmeccaniche, aspettano fatture da piu di 180 giorni. In questo modo, sono costrette a chiedere prestiti alle banche per pagare i dipendenti. Ma purtroppo molte banche non garantiscono questi prestiti, perche’ queste ditte sono indebitate fino sopra la testa a causa di aziende piu’ grandi che non rilasciano il pagamento, nei termini stabiliti inizialmente. Questi termini dovrebbero essere di massimo 90 giorni.

La domanda e’ questa: perche’ tra le varie leggi inutili, che i governo, sta cercando di varare con tutta urgenza, non discute anche di una legge che blocchi i termini di pagamento?? In paesi come il Brasile, dove Fiat ha una fabbrica enorme, se non si rispetta la scadenza dei 30 giorni, interviene lo stato facendo pagare delle multe salatissime.. A questo punto non ci resta che pensare che forse e’ vero che siamo noi il terzo mondo!!..

Per concludere, vorrei fare una considerazione personale… Secondo voi perche’ molti Italiani non osano aprire attivita’? Perche’ oltre a essere surclassati dalle tasse non sono tutelati e non tutti hanno un portafoglio che permetta di vivere senza incassare liquidi, per 6 mesi…

Con questo credo di essere stato abbastanza chiaro, e spero vivamente che qualche giornale, magari (un po’ temerario) inizi a sollevare un po di polvere!!! Magari qualcosina si riesce ad ottenere.. basta anche solo che la gente sappia.

Un ultima cosa che sicuramente vi fara’ piacere sapere: aziende come Fiat ha abbassato le tariffe orarie ai fornitori. Questi ultimi a loro volta le hanno abbassate ai piccoli imprenditori, facendosi lo sconto, non solo sulle ore di lavoro che verranno fatte in futuro, ma anche sulle fatture che dovranno essere pagate, ossia sulle ore fatte nei mesi passati, dove il contratto aveva una tariffa differente…. La frase ricorrente che sentiamo dire e’ la seguente: se volete lavorare e’ cosi’ altrimenti prendere o lasciare… Secondo voi è legale?

Ed io come moltissimi altri operai e impiegati, non prendiamo lo stipendio perche’ il nostro datore di lavoro non ha fondi per anticipare gli stipendi, e aspetta che il suo cliente lo paghi…. Noi pero’ continuiamo a lavorare sperando nella buona fede del dio cliente, a Torino come in tutta Italia, stiamo andando in malora… non chiediamoci il perche’ non usciamo dalla crisi e non compriamo le auto!!! Gli incentivi senza soldi nel portafoglio non servono a nulla! Ringraziando anticipatamente per l’opportunita che ci date,colgo l’occasione per augurarvi un buon lavoro!

Michele

Impiegato progettista settore Auto
Torino