Quanta polvere negli occhi!

Il 5 marzo si è riunito a Rivoli il Consiglio comunale, aperto nell’occasione ai cittadini, per fare il punto sull’intricata vicenda dell’inceneritore del Gerbido, che ogni tanto si guasta e deve essere fermato, chissà perchè. Dalle ore 20.30 alle ore 23,00 il numeroso pubblico presente è stato sfinito, letteralmente,  da relazioni tecniche, tabelle, grafici, decreti, delibere e autorizzazioni. Tecnici eroici, dell’ARPA e della Provincia di Torino hanno sciorinato il loro sapere sacerdotale  ad un pubblico numeroso che era lì per avere risposte ad una sola domanda: questo inceneritore costituisce un pericolo reale per la salute pubblica o no? I soloni presenti non hanno saputo, potuto o voluto dare una risposta a questa domanda. Competente, hanno detto in coro, è l’ASL. Ma dov’era l’ASL? Era assente, of course. Vedremo cosa farà la politica, finora colpevolmente acquattata e silente di fronte alla sacralità dei grafici. Chi si aspettava una sorta di question-time all’inglese (io domando e tu rispondi) è stato deluso ed è tornato a casa forse più confuso di prima. Così van le cose!