Burattini e grilli al caramello

Vauro ha ricordato così la figura di Gian Roberto Casaleggio. Apriti cielo! I corifei del bon-ton-politicamente-corretto si sono scatenati contro: rispetto della morte, buon gusto e via discorrendo. Perchè in questo paese non si capisce che la satira politica sfugge, deve sfuggire, ai normali canoni.  La penna del vignettista era, peraltro, evidentemente rivolta a Grillo, sul quale si sta abbattendo la scure del fondamentalismo nostrano per l’atto “blasfemo” (!!!!!) , della comunione a base di grilli al caramello impartiti ad esponenti pentastellati durante il suo spettacolo a Torino. Non ne possiamo proprio più di questo perbenismo appicicaticcio!