Buon viaggio, Dominique!

Dominique Velati ha scelto di andare a morire in Svizzera, dove il suicidio assistito è legale. Non vuole continuare a soffrire e la terribile malattia che l’affligge ha avuto ormai il sopravvento. La sua testimonianza pubblica pare non aver, per l’ennesima volta,  smosso il nostro farisaico  Parlamento, nelle stesse ore impegnato ad abolire la tassa sugli yachts, che coerentemente mantiene il suo atteggiamento oscurantista.

Buon viaggio, Dominique, e grazie!