CIDIU – tante domande, poche risposte

 

 

Per diritto e dovere di informazione, pubblichiamo il “Verbale della seduta Commissione di  controllo e garanzia del 22/10/2009” riguardante l’incontro tra i Consiglieri comunali della Commissione di controllo e gli amministratori in massima carica al CIDIU.
Un’interessante lettura, che pone però un unico dubbio: perchè, dopo tante articolate domande che riguardano l’utilizzo dei nostri soldi “buttati in spazzatura”, solo vaghe risposte da chi sarebbe obbligato a fornire chiari rendiconti?

A voi il giudizio…………..:

CITTA DI RIVOLI

OGGETTO: Verbale seduta Commissione di controllo e garanzia del 22 ottobre ’09 ore 18:00.

 

Assiste alla seduta la Segretaria della Commissione, dott.ssa Giovanna Capuano

Sono presenti :

  • Valerio CALOSSO (PDL) – Presidente;
  • Pietro Paolo PEREZ (IDV) – Vicepresidente;
  • Giulio BASILE (IDV);
  • Carlo BELLINO (PD) – entra alle ore 18:50;
  • Emanuele BUGNONE (PD) – entra alle ore 18:45 – esce alle ore 20:45;
  • Ernesto CACCETTA (Insieme per cambiare) – esce alla ore 20:35;
  • Giuseppe CAVALLARO (PD);
  • Ivan DELLA VALLE (Rivoli a 5 stelle) – esce alle ore 19:50;
  • Gerardo LUCARELLI (PD) – esce alle ore 20:10;
  • Giuseppe MISURACA (RC);
  • Paolo MOGLIA (LN) – entra alle ore 18:44 – esce alle ore 21:00;
  • Giuseppe MORENA (Rivoli Democratica) – esce alle ore 21:00;
  • Michele MORIONDO (PDL) – entra alle ore 18:55 – esce alle ore 21:00;
  • Antonio RUBINO (Moderati) – esce alle ore 18:30;
  • Osvaldo SAITTA (PD) – entra alle ore 18:30 – esce alle ore 21:00
  • Gianluca TROVATO (Lista civica Rivolese).

 

Ordine del giorno:

 

  • 1)      CIDIU S.p.A.
  • 2)      Varie ed eventuali.

 

Sono inoltre presenti:

 

  • – Il Presidente di CIDIU S.P.A. , Claudio Mauro e il Direttore di CIDIU S.P.A., Marco Lo Bue;
  • – I consiglieri: Massaro e Paone;
  • – Il Presidente del Consiglio Comunale, Francesco Sammartano e il Vicepresidente, Francesco Senatore

Il Presidente, constatato il numero legale, illustra brevemente ai commissari i punti all’ordine del giorno e prima di dare inizio ai lavori cede la parola al Cons. Morena affinché chiarisca la sua posizione in merito ai fatti comparsi nei giorni precedenti sulla stampa locale e nazionale.

 

Il Cons. Morena brevemente illustra i fatti dichiarandone la sua assoluta estraneità e confermando la sua volontà di continuare a svolgere la sua attività di Consigliere con l’impegno, la passione e il rispetto dei principi di correttezza e trasparenza di cui da sempre ne ha fatto strumento proprio.

 

I consiglieri tutti esprimono la propria solidarietà al Cons. Morena e auspicano una rapida soluzione del problema.

 

Il presidente presenta gli ospiti e introduce il punto all’ordine del giorno rilevando che il CIDIUattualmente è la voce di costo più elevata per il bilancio del Comune di Rivoli nonostante questo sia il socio di maggioranza.

 

I rappresentanti di CIDIU S.P.A. illustrano il funzionamento, la struttura e i costi della società mediante proiezione di slide che si allegano al presente verbale, seguono le domande dei consiglieri.

 

Il Vice Presidente del Consiglio, Francesco Senatore, domanda quale sia la situazione debitoria del Comune di Rivoli nei confronti del CIDIU; se con il passaggio a da CIDIU s.p.a. a CIDIU Servizi siano variati anche gli accordi con i Comuni; se si procederà in futuro ad affidamento mediante gara e se i servizi di raccolta differenziata potranno essere effettuati anche in altri territori oltre Rivoli, Collegno e Grugliasco; inoltre, rileva l’anomalia della presenza del Cados, quale controllore ma anche controllato e i costi eccessivi di gestione se si considera che è presente sul territorio un cassonetto per ogni due persone.

 

Il Cons. Lucarelli chiede se c’è e in che cosa consiste attualmente il guadagno dei cittadini rivolesi dalla raccolta differenziata; se in futuro sarà ipotizzabile una riduzione dei costi della TARSU o invece è già previsto il solo aumento delle cariche politiche e dei suoi costi, soprattutto a fronte della volontà di una riduzione dei costi della politica. Inoltre non comprende come mai non si procede ad una gara per l’affidamento del servizio dato che in questo modo i costi sarebbero ridotti.

 

Il Cons. Morena rileva la necessità di una gara per l’affidamento dei servizi di raccolta rifiuti in quanti da sempre la concorrenza crea minori costi e maggiore qualità dei servizi, secondo il Cons. in questo modo verrebbe a risolversi anche il conflitto di interessi attualmente presente dato che il Comune di Rivoli, oltre ad essere socio di maggioranza è anche il maggior cliente del CIDIU.

Il Cos. Morena domanda poi a quale soggetto appartiene la discarica di Cassagna, dove si trova e a quanto ammontano i costi dello smaltimento in discarica, se vi è stata una proporzionale riduzione dei rifiuti e quanto si è ricavato dalla vendita dei prodotti riciclati; inoltre chiede che vengano illustrati i tempi, i meccanismi e le modalità di rimborso dell’IVA con il passaggio alla TIA e se nelle prossime bollette l’IVA sarà ancora presente o meno. Infine rileva che il controllo analogo attualmente presente nel CIDIU di fatto è inesistente per tutta la serie di anomalie già precedentemente rilevate.

 

Il Cons. Moglia si unisce alle osservazioni del Cons. Lucarelli sebbene quest’ultimo consigliere di maggioranza, rileva poi che attualmente all’interno del CIDIU il Comune di Rivoli, socio di maggioranza, non ha alcun potere decisionale ne tanto meno l’autonomia necessaria per poter decidere di andare a gara e affidare il sevizio a terzi infine si domanda, come mai a fronte di un aumento della differenziata non vi sia stata una diminuzione dei costi; come mai il CIDIU non vende il differenziato, come sta facendo il Comune di Novara; come mai se il porta a porta prevede un impiego di personale inferiore e un minore utilizzo di mezzi, i costi siano aumentati e non diminuiti. Infine il Cons. Moglia rileva che secondo quanto stabilito dall’Unione Europea a partire dal 01.07.2009 il servizio di raccolta rifiuti deve essere affidato mediante gara, pertanto se la ristrutturazione societaria illustrata dal Presidente ( passaggio CIDIU S.P.A. – CIDIU Servizi) risulterà anteriore alla predetta data i rappresentanti di Lega Nord si rivolgeranno alla Corte di Giusitizia Europea i cui tempi di decisione sono notoriamente più brevi rispetto a quelli della Giustizia italiana.

 

Il Cons. Misuraca lamenta la mancata regolamentazione del passaggio delle spazzatrice nel territorio comunale; accoglie con favore la notizia di un aumento di personale ma si domanda come mai siano impiegati e non operai; infine chiede alcune delucidazioni sui dati relativi all’umido: se funziona, in quali percentuali e dove finisce una volta raccolto.

 

Il Cons. Lucarelli interviene una seconda volta per osservare, in risposta all’osservazione del Cons. Moglia, che a volte nello stesso partito ci sono idee diverse. Inoltre domanda quali sono le modalità di assunzione del personale e osserva che CIDIU S.p.A. non sembra essere un’azienda cresciuta negli ultimi anni.

Il Cons. Trovato osserva che la Commissione di Controllo e Garanzia altro non è che un momento in cui si permette al Consigliere di venire a contatto per la prima volta e conoscere la società partecipata CIDIU S.p.A. pertanto la documentazione non solo deve essere fornita precedentemente all’incontro ma deve essere anche costantemente aggiornata, in quanto il Comune e quindi il Consigliere è azionista della stessa.

Il Cons. Trovato procede con una breve ma dettagliata analisi economica dei documenti in possesso e osserva quanto segue:

 

  • § occorre presentare ai consiglieri, anche e soprattutto nuovi, una documentazione aggiornata che dia evidenza almeno degli ultimi 3 bilanci e, vista la delicatezza e l’importanza dei temi, anche una previsione circa lo sviluppo atteso per i prossimi 3 anni. Questo avrebbe permesso di avere sia la storia che un minimo di visibilità sul futuro dell’azienda;
  • § La necessità di un chiarimento circa il maggior costo sopportato dal comune rispetto agli altri consorziati;
  • § La mancanza di indicatori di “qualità”;
  • § La presunta inefficienza del CIDIU guardando gli indicatori “Valore della produzione per dipendente” e “Disponibilità (n° abitanti/n° dipendenti)”, comunque riferiti al 2006 e non aggiornati;
  • § La necessità di un chiarimento circa l’accordo sottoscritto di pugno dal precedente Sindaco che prevedeva l’azzeramento di debiti/crediti tra il Comune ed il CIDIU e del successo riconoscimento da parte del Comune di una somma che si aggira sui 700 mila euro circa citando la D.C. n. 265/09;
  • § Come mai Amiat è subentrata come socio di CIDIU e non si è invece venduto i servizi ad Amiat a prezzi di mercato, vista anche la politica del CIDIU volta ad aumentare la quota di servizi nel privato a più alta marginalità?
  • § In merito al conflitto di interessi e più in generale alle potenziali difficoltà ad applicare un corretto controllo analogo, il Cons. Trovato informa i membri della Commissione che ha provveduto a richiedere insieme al Cons. Massaro un parere all’Avvocatura comunale e che non appena avrà l’esito provvederà ad informare tutti;
  • § Vista la bontà dei risultati economici e finanziari mostrati, la vendita delle quote del CIDIU da parte del Comune, fatta seguire da un affidamento tramite gara pubblica, sarebbe un’opportunità per realizzare una plusvalenza utile per riequilibrare il bilancio e ristabilire un rapporto diverso con il nuovo fornitore

 

Il Cons. Paone rileva che il servizio di gestione della raccolta rifiuti non è un servizio facile da gestire e che pertanto le difficoltà del CIDIU sono comprensibili.

 

Il Cons. Massaro lamenta la mancanza della proiezione dei costi e benefici sul triennio; poi come amministratore racconta brevemente le vicende che hanno portato il passaggio da Sinergie a CIDIU e di come negli anni il servizio di raccolta sia peggiorato e la città sia diventata più sporca nonostante i costi per il Comune di Rivoli siano aumentati.

Il Cons. Massaro segnala poi alcune problematiche riscontrate sul territorio come ad esempio l’assenza del servizio di raccolta per l’ospedale di rivoli, la mancanza di spazzatrici in alcune zone del territorio, il mancato ricambio dei sacchetti dei cestini, la mancanza della raccolta differenziata nelle aree mercatali dove i rifiuti vengono ricompattati e le piazze non lavate, la continua situazione di sporcizia che caratterizza la piazza centrale di Rivoli, la mancanza di campane per il cimitero nonostante le segnalazioni fatte anche all’Assessore. Domanda infine alcuni chiarimenti sul costo di campane, bidoni, mezzi; sulla composizione e i costi del CDA del CIDIU e sulla transazione con il Comune di Rivoli.

 

Il Cons. Basile domanda come vengono smaltiti i bidoni vecchi.

 

Terminati gli interventi dei commissari i rappresentanti del CIDIU precisano che:

 

  • – la trasformazione societaria è avvenuta il 17.12.2008 non per evitare di partecipare alla gara;
  • – nel 2011 il CIDIU sarà sul mercato esattamente come gli altri soggetti privati per partecipare alle gare di appalto;
  • – l’aumento delle assunzioni di impiegati è stato necessario per non esternalizzare servizi quali ad esempio buste paghe, contabilità ecc.;
  • – la diminuzione delle auto è stata necessaria per ottimizzare costi e risorse;
  • – scopo della società è quello di investire in impianti e non in cassonetti per avere utili da impiegare nel momento in cui si avrà l’inceneritore;
  • – il valore della società nel corso degli anni è aumentato e non diminuito così come i nuovi contratti con un utile che si aggira tra i 15 e 18 milioni di euro;
  • – La minor efficienza rilevata, rispetto ad altri “competitor”, è legata al forte utilizzo dell’outosourcing di questi ultimi. Il dato di efficienza va quindi interpretato in modo diverso, ovvero valutando l’impiego di risorse interne al CIDIU e non esterne.

 

Precisano che l’aumento dei costi del Comune di Rivoli rispetto a quello di Collegno e Grugliasco deriva dal fatto che Rivoli fa meno raccolta differenziata e il differenziato è troppo sporco per essere “riutilizzato “, inoltre osservano che la qualità del servizio è proporzionata ai costi che sono comunque ragionevoli.

Infine illustrano i costi del c.d.a e gli stipendi di direttore e presidente che sembrerebbero essere il 30% in meno rispetto a quelli previsti dalla legge.

 

La seduta si chiude alle ore 21:20.

 

La Segretaria della Commissione                                                         Il Presidente

Giovanna Capuano                                                                 Valerio Calosso